CHI È UN COACH? SPORT, BUSINESS E LIFE COACH TANTE RISPOSTE PER UNA SOLA DOMANDA

Sport coach, Life Coach, Business Coach, Mental Coach.. Ma chi è il coach? Il coach è una guida, capace di indirizzarti verso il traguardo che più desideri, fornendoti un’arma che tu già possiedi ma di cui non hai appreso la potenza: la tua mente.

coach cappellino

Chi è un coach e cosa fa?

Scopri come diventare un coach e sentirti realizzato

 

Chi è il coach?

Che cosa rispondereste se qualcuno vi domandasse: chi è il coach?

Quando ci si chiede chi è un coach è facile pensare a un allenatore, magari calcistico, i cui compiti sono essenzialmente coordinare e gestire l’allenamento e preparare tatticamente e tecnicamente la squadra; insomma un individuo dedito a schemi di gioco, formazioni e strategie.

È vero, traducendolo letteralmente ha proprio questo significato, ma ciò a cui vogliamo riferirci e di cui vogliamo parlare riguarda più un aspetto mentale.

Riformuliamo dunque la domanda: chi è il coach?

Il mental coach è un professionista a sostegno di una persona in difficoltà, pienamente convinto che la sua stessa mente possa intervenire attivamente nelle attività quotidiane che è solito svolgere, influenzandone positivamente o negativamente l’esito finale. La sua missione è scovare le potenzialità latenti di questo individuo, capire quali siano gli obiettivi che intende raggiungere e fornirgli gli strumenti necessari per tale scopo. Il fine è renderlo conscio delle proprie capacità e permetterli di esprimere tutto il suo talento.

A questo punto però, avendo citato le parole mente e difficoltà, chi è il coach? L’equivalente di uno psicologo?

Sbagliato. Il mental coach è un professionista il cui obiettivo non è quello di analizzare il lato più oscuro di una persona, scavare nel subconscio alla ricerca di qualche trauma pregresso o del perché di un dato comportamento; l’attività che svolge, infatti, è ben più semplice. “Hai un problema? Un problema reale, dannatamente concreto? Benissimo. Io ti aiuterò a capire come fare a risolverlo, ti darò quegli strumenti necessari per comprendere che in realtà quella data cosa puoi farla benissimo, è solo un blocco della tua mente e il mio compito sarà proprio quello di sbloccarla”. Altra caratteristica che lo differenzia da uno psicologo, è che si rivolge a persone con obiettivi “normali”, che nulla hanno a che vedere con patologie cliniche e non instaura un legame di dipendenza, anzi mira a far riconoscere la situazione in cui il soggetto si trova, in modo che quest’ultimo possa agire poi da solo.

Attraverso una pratica continua e graduale, il mental coach deve operare sulla persona un cambiamento, una trasformazione, che possa concretizzare le sue potenzialità e di conseguenza migliorare le sue prestazioni. Il fine ultimo è responsabilizzare il soggetto, renderlo padrone delle sue azioni, infondergli quella fiducia necessaria per agire senza dubitare di se stesso. Per questo motivo il punto su cui un mental coach deve focalizzarsi è lo sviluppo di una mentalità vincente, che aiuti l’individuo ad acquisire quella sicurezza e quella consapevolezza indispensabili per raggiungere gli obiettivi a cui aspira: successo e realizzazione personale. Chi si avvicina a questa figura quindi, non vuole solo risolvere un problema ma ambisce all’eccellenza, vuole rendere più performanti possibili le sue performance, vuole essere il numero uno.

Ovviamente gli obiettivi che ciascuno di noi vorrebbe raggiungere possono essere di vario tipo: personale, manageriale o sportivo; per tanto ci saranno altrettante categorie di coach specializzate per ogni singolo settore.

NEL MONDO DELLO SPORT CHI E’ IL COACH?

È colui che viene definito sport mental coach e il cui obiettivo è aiutare sportivi ed atleti di tutti i livelli agonistici a migliorare le loro performance. Chi si rivolge a lui ha un chiaro intento, raggiungere l’eccellenza e sa che per vincere una gara non basta un ottimo fisico allenato, ma è necessario anche che la mente sia libera, capace di rimanere lucida in qualunque situazione e pronta a sopportare momenti di grande stress e forte tensione emotiva. Assieme al campione coopera per creare una personalità forte e sicura dei propri mezzi e delle proprie abilità, allena la mente del giocatore a controllare le sue emozioni e i pensieri limitanti, a gestire la pressione pre-gara e durante l’esibizione, stimola la concentrazione e l’attenzione e sviluppa una mentalità vincente (http://www.radiosei.it/item/de-maio-collaboratrice-del-mental-coach-corapi-fondamentale-ha-creato-una-mentalita-vincente), indispensabile per raggiungere l’obiettivo a cui aspira: una performance da applausi e standing ovation.

L’aiuto di uno sport mental coach può essere richiesto da giovani talenti che hanno paura di non essere all’altezza delle aspettative che gli altri hanno riposto in loro da campioni che non riescono più a vincere ma vogliono tornare a farlo.

NEL MONDO AZIENDALE CHI E’ IL COACH?

È una figura che prende il nome di Business Coach e ha il compito di aiutare un manager a sapersi districare tra i mille impegni quotidiani, a dividersi tra vita privata, pratiche organizzative e public relations.

L’uomo d’affari è una persona che per quanto possa svolgere un lavoro molto remunerativo ha anche una mole di stress non indifferente; sa che ogni volta che raggiungerà un obiettivo, che firmerà un contratto, la posta in gioco diverrà sempre più alta;  rischierà di perdere fette importanti della propria vita, come ad esempio gli affetti più cari nel caso li abbia o peggio ancora correrà il pericolo di sprecare l’unica possibilità di crearsi una famiglia.

Imparare a delegare, a fidarsi degli altri e riconoscere potenzialità e capacità negli altri colleghi, porta benefici enormi: più tempo libero significa più tempo per la propria famiglia o da dedicare alle proprie passioni, per sentirsi non solo un uomo di successo per l’azienda ma anche un uomo di valore per sé stesso, con passioni, amici e hobby da coltivare.

Chi si rivolge ad un business coach lo fa perché vuole migliorare nel proprio ambito professionale, vuole essere più convincente e sicuro di sé durante una riunione piuttosto che un discorso tenuto di fronte ad una vasta platea. Vuole essere sicuro delle sue capacità in modo da risultare un leader naturale, apprezzato e seguito da tutti, in un ambiente in cui il suo pensiero viene altamente tenuto in considerazione in quanto persona professionale, concreta e decisa.

Le tecniche apprese in un corso di business mental coaching permettono ai dirigenti di mettere in atto le giuste strategie per il cambiamento e migliorare le performance aziendali.

NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI CHI E’ IL COACH?

È una figura che prende il nome di Life coach e si occupa delle esigenze delle persone comuni, dal desiderio di sviluppare se stessi, al superamento di momenti impegnativi, dall’acquisizione di maggior sicurezza nelle proprie capacità al raggiungimento di obiettivi ambiziosi.

Tali obiettivi, come già detto, riguardano la sfera quotidiana di un individuo: una madre contesa tra lavoro e figli, un ragazzo che vuole aumentare il livello dei risultati scolastici, un individuo che ha difficoltà ad esporsi e parlare in pubblico, genitori che si sentono inadeguati a ricoprire il ruolo di educatori della propria prole.

Per riassumere quindi chi è il coach?

È un professionista che può essere d’aiuto a chiunque voglia migliorare se stesso e raggiungere obiettivi importanti ma non sa come farlo o se ne è in grado; punta tutto il suo lavoro sull’influenza che la mente ha nella nostra vita e su come possiamo “allenarla” a credere nelle nostre capacità, a sviluppare pensieri positivi che ci inducano a dire “Posso farcela”, in modo da arrivare al traguardo desiderato.

 

Candidati per diventare un Mental Coach Certificato

Scopri come dare una svolta alla tua vita professionale e personale